DAI MIGRANTI ALLA POVERTÀ ALIMENTARE, LA VOCE DEI TERRITORI ARRIVA IN VATICANO

Nelle giornate del 25 e del 26 giugno, si sono svolte a Roma, le celebrazioni per il 50° anniversario di Caritas Italiana. L’invito era stato esteso a tutti i direttori delle Caritas Diocesane.

La Caritas Diocesana di Teano-Calvi, ha partecipato all’evento, con la presenza del Direttore Mercone, insieme altri due componenti del preposto ufficio.

Nel pomeriggio di venerdì 25, nella basilica di S. Paolo fuori le Mura in Roma, si è vissuto un forte momento di preghiera che ha ripercorso, attraverso testimonianze, i 50 anni di storia di Caritas Italiana, a partire dai ricchi frutti del Concilio Vaticano II.

Il cardinale, Luis Antonio Tagle, presidente di Caritas internationalis, con l’arcivescovo Redaelli, ha guidato le celebrazioni nella basilica di San Paolo e ha ricordato l’importanza del servizio, con storie che sono un contemporaneo «inno alla carità»

Sabato 26 (ore 9.00-13.00) presso l’Aula Paolo VI (Città del Vaticano) in attesa dell’arrivo di Papa Francesco c’è stato un momento di fraternità e di riflessioni condivise, con focus sul percorso biennale realizzato, verso il 50° di Caritas Italiana.

Nel suo discorso, Papa Francesco, ha indicato, tra l’altro, tre vie da seguire:

  • la via degli ultimi: “È da loro che si parte, dai più fragili e indifesi.”
  • la via del vangelo: “Il vangelo è lo stile dell’amore umile, ma non appariscente.”
  • la via della creatività:” è ciò che Giovanni Paolo II chiamava fantasia della carità.”

Il Pontefice ha espresso note di preghiere e ringraziamento a tutti i presenti, invitando a continuare la loro opera in questo cammino.

(Nicola PECCERILLO – equipe caritas diocesana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *