PAPA FRANCESCO: “LA VECCHIAIA E’ UN DONO”

“La vecchiaia è un dono e i nonni sono l’anello di congiunzione con i giovani”. Questo, l’incipit del Pontefice dopo la celebrazione dell’Angelus del 31/01/2021.

Per questo motivo, “ho deciso di istituire la Giornata mondiale dei nonni e degli anziani la quarta domenica di luglio, in prossimità della Festa dei santi Gioacchino e Anna, nonni di Gesù” (Papa Francesco ibidem).

“E’ importante l’incontro tra nonni e nipoti, perché i nonni davanti a loro sogneranno e i giovani prendendo forza dai nonni andranno avanti”, ha continuato Papa Francesco.

Le parole del Sommo Pontefice, si collocano nel novero di una fondamentale riflessione pedagogica, ossia la riconoscenza che i più giovani devono agli anziani e, di conseguenza, la ricerca doverosa, continua ed incessante, ove ciascuno di noi deve impegnarsi per mantener saldo un legame tra generazioni diverse, avendo come fine l’arricchimento e la promozione dell’essere umano in ogni sua fase esistenziale.

Una riflessione, quella del Papa, estendibile anche in senso civile. Avanzare nel tempo non è facile (specie in una società come la nostra ove la tecnica la fa da padrone e la dimensione umana rischia di subire gravi conseguenze), né fisicamente, né psicologicamente. Per questi motivi sono necessarie società morbide, accoglienti, libere da vincoli materialistici e utilitaristici (che, il più delle volte sono moralmente deprecabili), ove gli anziani abbiano il dovuto riconoscimento e anche la giusta protezione su ogni piano.

ANTONIO PICOZZI (EQUIPE CARITAS DIOCESI TEANO-CALVI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *